I casi di esonero dalla presentazione della dichiarazione dei redditi Persone Fisiche

Pubblicato il Pubblicato in PATRIMONIALE, TRIBUTARIO

Le persone fisiche sono esonerate dalla presentazione della dichiarazione dei redditi in almeno 15 casi. Condizione indispensabile è che non abbiano l’obbligo di tenere le scritture contabili.

  • La dichiarazione puo’ comunque essere presentata se, ancorchè esonerati, si ha interesse a presentarla per chiedere la deduzione di oneri deducibili o il rimborso di imposte relative ad anni precedenti.

Nel dettaglio:

1) Si è esonerati sempre quando dopo aver fatto i conti ci si accorge che l’imposta dovuta non supera 10,33 a condizione che non si ha l’obbligo di tenere le scritture contabili;

2) Quando si possiede solo l’abitazione principale e relative pertinenze e altri fabbricati non locati situati in comune diverso da quello dell’abitazione principale e che sono soggetti all’IMU (alternanza IMU/IRPEF). L’esonero non si applica se i fabbricati non locati sono situati nello stesso comune dell’abitazione principale.

3) Quando si possiede un reddito di Lavoro dipendente o pensione + eventuale abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati ; l’esonero, come per il caso precedente, non si applica se il fabbricato non locato è situato nello stesso comune dell’abitazione principale.

4) Nel caso di rapporti di lavoro dipendente, collaborazione coordinata e continuativa, pensione a condizione che siano corrisposti da un unico sostituto d’imposta o conguagliati dall’ultimo sostituto (datore di lavoro o ente pensionistico). In tutti i casi occorre controllare che le detrazioni per familiari a carico effettuate dal sostituto siano spettanti e non siano dovute le addizionali regionali e comunali.

5) Quando si possiedono redditi esenti quali ad esempio le rendite erogate dall’Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, alcune borse di studio, pensioni di guerra, pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva, pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili, sussidi a favore degli hanseniani, pensioni sociali.

6) Se si possiedono redditi soggetti ad imposta sostitutiva quali ad esempio gli interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico (vanno invece dichiarati i redditi dei fabbricati assoggettati alla cedolare secca).

7) Se si possiedono redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta quali ad esempio gli interessi sui conti correnti bancari o postali; redditi derivanti da lavori socialmente utili.

Sono casi di esonero sottoposti a dei limiti di reddito e a determinate condizioni i seguenti:

8) Si è esonerati dalla presentazione della dichiarazione se si possiedono terreni e/o fabbricati (comprese abitazione principale e sue pertinenze) con un reddito uguale o inferiore a 500 euro;

Inoltre si è esonerati se si possiede:

9) Lavoro dipendente o assimilato + altre tipologie di reddito fino a 8.000 euro, percepito per un periodo di lavoro non inferiore a 365 giorni

10) Pensione + altre tipologie di reddito fino a 7.750 euro, per un periodo di pensione riferita a 365 giorni

11) Pensione + terreni + abitazione principale e sue pertinenze (box, cantina, ecc.) fino a un reddito di 7.750 per la pensione + 185,92 per i terreni e sempre che la pensione sia riferita a 365 giorni

  • in tutti e tre i casi a condizione che il periodo di lavoro o di pensione sia non inferiore a 365 giorni e che le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale. Se il sostituto d’imposta ha operato le ritenute il contribuente può recuperare il credito presentando la dichiarazione.

12) Si è esonerati se si possiede la Pensione + altre tipologie di reddito fino ad importo uguale o inferiore a 8.000 euro a condizione che il periodo di pensione sia non inferiore a 365 giorni e che il contribuente abbia età pari o superiore a 75 anni. Anche in questo caso occorrerà controllare che le detrazioni per coniuge e familiari a carico siano spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale. Se il sostituto d’imposta ha operato le ritenute il contribuente può recuperare il credito presentando la dichiarazione.

13) Si è esonerati se si è percepito l’assegno periodico dal coniuge + altre tipologie di reddito per un importo fino a 7.500. Non bisogna tenere conto dell’assegno periodico destinato al mantenimento dei figli.

14) Si è esonerati se si possiedono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro fino a un importo di 4800,00 euro. Ad esempio: compensi percepiti per l’attività libero professionale intramuraria del personale dipendente dal Servizio sanitario nazionale, redditi da attività commerciali occasionali, redditi da attività di lavoro autonomo occasionale

15)  Possesso di compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche fino a 28.158,28 Euro.

  • In tutti i casi occorre determinare il reddito complessivo non tenendo conto del reddito derivante dall’abitazione principale e dalle sue pertinenze.

Studio Frisacco resta a disposizione per ulteriori e migliori chiarimenti.

Lascia un commento